Prepariamo la marmellata di ciliegie

Più dolce o più asprigna, la marmellata di ciliegie è ottima spalmata su fette di pane per la colazione, ma si può utilizzare anche per farcire ogni genere di torta o per arricchire di gusto un dolce al cucchiaio

La marmellata di ciliegie è una delle conserve più golose che si possano preparare in estate. Soprattutto per quanti di voi amano alla follia questo frutto. Si tratta, in realtà, di un lavoro abbastanza impegnativo, perché ad ogni ciliegia vanno tolti nocciolo e picciolo, ma il risultato vi farà dimenticare ogni fatica! Scegliete ciliegie sode e ben mature: saranno dolci e succose e la vostra marmellata ne guadagnerà in gusto.

Le ciliegie più adatte

Tutte le varietà di ciliegie sono adatte per preparare la marmellata. Se preferite un sapore più dolce, acquistate ciliegie della qualità duroni, solitamente più grandi e più dolci di altre qualità di ciliegie. Inoltre, essendo più grandi, farete meno fatica a denocciolarle. Se preferite, invece, un sapore più acidulo, scegliete le amarene, più piccoline e dal colore rosso intenso. Qualunque varietà voi scegliate, ricordatevi di prenderle con la buccia ben soda e tesa, integre e senza ammaccature: fate attenzione perché tradizionalmente si dice che dopo il giorno di San Giovanni (24 giugno), le ciliegie vengano attaccate da piccoli parassiti!

marmellata di ciliegie

La sterilizzazione dei vasetti

È un momento sempre molto importante: gustare le conserve hand made deve essere un piacere «sicuro», senza rischi per la salute. Quindi, per prima cosa prendete i vostri vasetti e metteteli in una pentola piena d’acqua. Verificate che siano completamente sommersi, portate a bollore e lasciate che si sterilizzino per 1 ora. Dopodiché toglieteli dall’acqua e riempiteli con la marmellata appena fatta, lasciando 1 cm vuoto dal bordo. Chiudete ogni vasetto con un tappo nuovo, rimettete ogni vasetto nella stessa pentola d’acqua e fate bollire per circa 30 minuti, avvolgendo ogni barattolo in un canovaccio, per evitare che si rompa. Dopo i 30 minuti verificate che si sia formato il sottovuoto: se, schiacciando sul tappo, sentirete il classico«click-clack», avrete ottenuto l’effetto desiderato, altrimenti continuate con la bollitura.

La ricetta della marmellata di ciliegie

Prendete 1 kg di ciliegie mature, 300 g di zucchero di canna, il succo di un limone. Lavate e asciugate le ciliegie, apritele a metà con le dita o con un coltellino e denocciolatele. Raccoglietele tutte in un contenitore con il succo di un limone e lasciatele macerare in frigo una notte intera. L’indomani aggiungete lo zucchero e versate tutto in una pentola. Fate cuocere per un’ora e trenta, a fuoco dolce, e poi versate il composto nei barattoli che avrete precedentemente sterilizzato. Riempite ogni barattolo sino a 1 cm dal bordo e poi chiudete con i tappi. Sterilizzateli come spiegato sopra e poi lasciateli in un luogo fresco e buio. La marmellata deve riposare un mese prima di essere consumata.


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta