I nuovi siti Patrimonio dell'Umanità 2018

FANJINGSHAN
Fanjingshan, la vetta più alta dei monti Wuling in Cina, è un luogo sacro al buddhismo e ospita una enorme biodiversità animale e vegetale. 
Fotografia di Zhou Wenqing, Unesco 

La scorsa settimana, in occasione della 42esima sessione dell’annuale, il Comitato per il Patrimonio Mondiale dell’UNESCO si è riunito a Manama, nel Bahrein. I rappresentanti di 21 diversi Stati hanno lavorato alla selezione dei nuovi siti Patrimonio dell’Umanità, valutando lo stato di conservazione delle diverse località e passato in rassegna la lista dei siti UNESCO in pericolo.

Le località candidate devono possedere almeno uno dei 10 criteri (sei culturali e quattro naturali) che vanno dalla biodiversità ai manufatti artistici di valenza universale.

Quest’anno il Comitato ha riconosciuto 19 nuovi siti () per il loro “eccezionale valore universale”, ha esteso i confini del Sichoté-Alin’, una riserva della biosfera russa, e ha rimosso la barriera corallina del Belize dalla lista dei siti UNESCO in pericolo.

“Questi patrimoni sono l”eredità del nostro passato, i luoghi dove viviamo oggi e ciò che tramanderemo alle future generazioni”, recita la dichiarazione fondante dell’UNESCO. “Il nostro patrimonio, sia naturale che culturale, sono entrambi insostituibili risorse di vita e ispirazione”.


Fonte: http://www.nationalgeographic.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta