Cinque ricette per un risotto facile

Venti minuti ai fornelli e un risultato sempre assicurato: dal classico ai porcini fino alle sfiziose varianti ai quattro formaggi e ai carciofi

Salsiccia, zucchine, funghi, salmone, carciofi, speck. L’elenco degli ingredienti utili a preparare risotti buoni potrebbe proseguire all’infinito. Per qualcuno è nato a Napoli, per altri nell’estremo nord del Paese. Alla fine dei conti, però, fa poca differenza: il è uno dei piatti tradizionali della cucina italiana, con una storia che affonda le proprie radici a diversi secoli fa e che rappresenta un piatto gustoso e adatto per qualsiasi occasione. Ecco allora cinque ricette facili.

Risotto ai funghi porcini

La prima è quella del risotto ai funghi porcini, un grande classico: una ventina di minuti e il gioco è fatto. Per sei persone è necessario procurarsi 320 grammi di riso Carnaroli, 40 grammi di porcini secchi, 60 di parmigiano grattugiato, un litro di brodo vegetale, una cipolla, mezzo bicchiere di vino bianco e venti grammi di burro. Olio, uno spicchio di aglio e sale restano a portata di mano. Per prima cosa bisogna pulire i porcini, eliminando la parte terrosa sul gambo con un coltellino, poi tagliarli per il lungo, quindi strofinarli delicatamente con un panno umido e metterli da parte. Nel frattempo bisogna fondere in un tegame capiente la metà del burro e aggiungere la cipolla tritata, cucoendo per  il tempo necessario per farla appassire, senza però farle prendere colore. A questo punto si unisce anche il riso e lo si lascia tostare per circa due minuti. Si aggiunge un mestolo di brodo vegetale e si lascia cuocere a fuoco lento, mescolando e aggiungendo altro brodo quando serve. In un altro tegame antiaderente si versa un po’ d’olio e uno spicchio d’aglio schiacciato, facendo rosolare un paio di minuti. Nello stesso tegame si mettono così anche i funghi, da saltare a fuoco vivace e aggiungendo, a metà cottura, il vino bianco. Dieci o al massimo dodici minuti e il risotto ai funghi porcini è pronto per essere servito con il suo condimento di funghi.

Risotto carciofi e robiola

Una ventina di minuti complessivamente servono anche per preparare un buon risotto con carciofi e robiola. Sempre per sei persone c’è bisogno di: 320 grammi di riso Carnaroli, quattro carciofi, 50 grammi di robiola, un litro di brodo vegetale, 20 grammi di parmigiano grattugiato, uno spicchio d’aglio, mezza cipolla, un bicchiere di vino bianco e, anche stavolta, olio e sale pronti per l’uso. Si comincia pulendo i carciofi: bisogna eliminare le foglie esterne più dure, tagliare le punti ed eliminare la parte del gambo fibrosa. I carciofi vanno tagliati in larghezza, ottenendo così delle listarelle. Si fa a questo punto rosolare lo spicchio d’aglio in una padella, insieme a due cucchiai d’olio, per qualche minuto. Poco dopo si aggiungono i carciofi e un mestolo di brodo. Tempo di cottura: 10 minuti. Nel frattempo, in un tegame antiaderente, si versano altri due cucchiai d’olio e si fa soffriggere la cipolla. Una volta imbiondita quest’ultima, si aggiunge il riso e lo si fa tostare fino a quando i chicchi non diventano lucidi. Si sala e piacere e si sfuma tutto a fuoco alto col vino. Si aggiunge ancora un po’ di brodo e dopo dieci minuti si aggiungono i carciofi, lasciando cuocere tutto per altri due o tre minuti al massimo. A fine cottura basta mantecare il riso a fuoco spento con robiola e parmigiano. Tutti a tavola!

Risotto ai quattro formaggi

Mezzo scalogno, 200 grammi per ogni formaggio (fontina, gorgonzola, emmenthal e parmigiano), un litro di brodo vegetale, 300 grammi di riso comune, olio e sale. Ecco gli ingredienti per uno sfizioso risotto ai quattro formaggi da gustare in compagnia. Per prima cosa si taglia in modo sottilissimo lo scalogno e lo si lascia soffriggere per qualche minuto con un filo d’olio. Si aggiunge subito il riso e si versa, durante la cottura, il brodo un po’ alla volta. Nel frattempo, bisogna tagliare a dadini i formaggi e grattugiare il parmigiano, ma attenzione: il tutto va aggiunto solo pochissimi minuti prima di togliere il riso dal fuoco. Una grattugiata di lime può insaporire ulteriormente il piatto, ma va bene anche semplicemente così. Velocissimo e soprattutto buono e saporito.

Risotto coi broccoli

Ancora una volta servono 320 grammi di riso Carnaroli, 50 ml di vino bianco, uno scalogno, 700 grammi di broccoli, brodo vegetale, olio, sale, pepe nero e 50 grammi di burro.  Ovviamente si comincia con la pulizia dei broccoli: si tagliano le cimette dividendo a metà quelle troppo grandi, si lava sotto acqua corrente, si pela il gambo e si elimina la parte esterna dell’ortaggio. Dopo si taglia tutto a dadini, ma, chi ne ha uno a disposizione, può benissimo mettere tutto nel frullatore e ottenere una cremina verde che servirà poi per condire il riso. Per chi invece prosegue con la preparazione tradizionale, a questo punto, si trita lo scalogno e lo si fa scaldare in una pentola con olio d’oliva per un paio di minuti: si tratta del tempo necessario per poi completare il tutto coi broccoli, da cuocere insieme per altri dieci minuti scarsi. Nel frattempo, in un’altra pentola con olio, si versa il riso e lo si fa tostare per cinque minuti. Poi si aggiunge il vino bianco e si completa l’opera unendo il contenuto di entrambe le pentole. La cottura complessiva è di venti minuti, col brodo vegetale da aggiungere ogni volta che ce n’è bisogno. Pepare prima di impiattare: non serve ricordarsi di altro.

Risotto col salmone

Un quarto d’ora ed è già pronto. Ingredienti: 320 grami di riso Carnaroli, 250 grammi di salmone, un porro, uno spicchio d’aglio, mezzo bicchiere di vino bianco, olio, sale, pepe nero e mezzo litro di brodo di pesce. Per prima cosa si pulisce il salmone e lo si riduce a dadini. In una padella con olio e aglio si fa rosolare il pesce per tre minuti, ricordandosi di salare. Poi bisogna tagliare finemente il porro, da far appassire a fuoco lento nella stessa padella. In un’altra, a parte, si versa il riso, lo si fa tostare a fiamma vivace, si sfuma col vino bianco e si prosegue la cottura mescolando continuamente e aggiungendo il brodo un po’ alla volta. A metà cottura si unisce il tutto e dopo pochi minuti non serve fare altro che servire e gustare a tavola un altro risotto da preparare in modo facile e veloce.


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta