Come preparare un Grand Tonic e altri 5 cocktail sognando i Caraibi

Il cognac e le arance amare esotiche si incontrano nel Grand Marnier, un liquore che è pronto a dare il meglio di sé questa primavera se miscelato in cocktail freschi e decisi. Ecco come prepararli

Il bello dei cocktail classici è che ti tolgono dall’imbarazzo della scelta quando arrivi al bancone di un locale. Gin Tonic, Old Fashion, Mai-Tai e Margarita, sono parole che ci escono dalla bocca automaticamente, quasi facessero parte di noi, del nostro linguaggio e dei nostri desideri. Consuetudini perfette per brindare, passare in tempo con gli amici o rompere il ghiaccio con chi non conosciamo, ma anche per capire qualcosa degli altri sin dal primo sguardo.
Basta pensare all’intesa che scatta automaticamente tra due persone che ordinano lo stesso cocktail o alla curiosità che ci porta ad ascoltare le ordinazioni altrui mentre aspettiamo il nostro drink. E sebbene ciò che conosciamo sia perfetto per coccolarci e metterci al riparo da ogni pentimento, il rischio di assestarsi in una comfort zone e annoiarsi è alto.
Perché non scongiurarlo rivisitando i grandi classici? La proposta interessante arriva da Grand Marnier, il celebre liquore prodotto dall’azienda istituita da Jean-Baptiste Lapostolle nel 1827. Creato nel 1880 con il nome di Curaçao Marnier è prodotto dall’unione di un grande cognac francese all’aroma esotico delle bucce di Citrus Bigardia, delle particolari arance amare colte nelle terre caraibiche (i frutteti si trovano principalmente ad Haiti) prima della completa maturazione. È il sole dei Caraibi ad asciugarle per far sì che rilascino al meglio gli oli aromatici che le caratterizzano e che trasformeranno il cognac francese, con l’aiuto dello zucchero, in uno dei liquori più celebri al mondo.
Ed è proprio pensando al sole dei Caraibi e all’energia travolgente che si respira in queste terre custodite dal mare cristallino che abbiamo preparato 6 cocktail aromatici e spensierati. Consigliamo di sorseggiarli godendo dei primi tepori serali, magari mentre si pianifica il prossimo viaggio verso terre baciate dal sole.

Per l’aperitivo

Ecco tre ricette di cocktail leggeri, aromatici e freschi perfetti da assaggiare prima di cena o accompagnati da stuzzichini. Per fare qualcosa di diverso, vi consigliamo di accompagnarli a del platano fritto (se non lo trovate, potete sostituirlo con delle banane leggermente acerbe), magari servito con un formaggio fresco tipo primosale.

Grand Tonic
Ingredienti: 50 ml di Grand Marnier Cordon Rouge, acqua tonica, ghiaccio, una fetta di arancia, lamponi per decorare
Procedimento: versate i cubetti di ghiaccio nel bicchiere da Gin Tonic (la coppa molto capiente che i barman chiamano baloon glass) e aggiungete il Grand Marnier. A questo punto versate dell’acqua tonica e mescolate bene prima di completare il cocktail con la fetta di arancia e il lampone.

Grand Margarita
Ingredienti: 30 ml di Grand Marnier Cordon Rouge, 30 ml di tequila, 20 ml di succo di limone, ghiaccio, lime
Procedimento: come per il Margarita tradizionale, versate su un piattino del sale fino. Tagliate una fetta lime, infilatela sul bordo del bicchiere e fatela scorrere in modo da bagnarlo con il succo. Tagliate un’altra fetta di lime che vi servirà per guarnire e capovolgete e il bicchiere in modo da far aderire il sale al bordo bagnato dal succo. Versate in uno shaker il Grand Marnier, la tequila, il succo di limone e il ghiaccio e versate nel bicchiere dopo aver shakerato. Guarnite infine con la fettina di lime.

Grand Mai-Tai
Ingredienti: 30 ml di Grand Marnier Cordon Rouge, 60 ml di rum Appleton Estate Signature Blend, 15 ml di orzata, 15 ml di succo di limone, ghiaccio, una fetta di lime, menta e un ciuffo di ananas per guarnire
Procedimento: shakerate tutti gli ingredienti liquidi con il ghiaccio, versate in un bicchiere stretto e alto e guarnite con lime, menta e foglie di ananas.

Gli after dinner

Freschezza, note amare e un gusto avvolgente. Il Grand Marnier si può servire con un cubetto di ghiaccio come liquore digestivo, ma è anche la base perfetta per cocktail intensi e aromatici. Anche in questo caso il tema delle rivisitazioni dei grandi classici funziona e ci invita ad osare ispirandoci ai migliori mixologist. Il tocco in più? La buccia d’arancia nel bicchiere, magari tagliata così sottilmente da avvolgersi su se stessa.

Grand Old Fashioned
Ingredienti: 30 ml di Grand Marnier Cordon Rouge, 30 ml di Wild Turkey 101 Bourbon Whiskey, 3 gocce di amaro aromatico, ghiaccio, buccia di arancia arrotolata per guarnire
Procedimento: Per prima cosa versare le gocce, il Grand Marnier e il Whiskey nel bicchiere. Aggiungere il ghiaccio e mescolare finché risulterà freddo e ben miscelato. Guarnire con la buccia d’arancia che spremeremo sulla superficie del cocktail per liberare gli oli aromatici.

Grand Sidecar
Ingredienti: 50 ml di Grand Marnier Cordon Rouge, 20 ml cognac, 20 ml di succo di limone, ghiaccio
Procedimento: versare nello shaker Grand Marnier, cognac, succo di limone e ghiaccio. Agitare bene e versare nella coppa.

Grand Collins
Ingredienti: 50 ml di Grand Marnier Cordon Rouge, 15 ml di succo di limone, seltz, ghiaccio, buccia di arancia arrotolata e lamponi per guarnire
Procedimento: versare il ghiaccio nel bicchiere, aggiungere il Grand Marnier e il succo di limone. Versare infine il seltz, mescolare bene e servire con la guarnizione di buccia d’arancia e lamponi.

Nella gallery in alto, tutti i cocktail da cui trarre ispirazione per prepararli con il bicchiere più adatto e le guarnizioni per renderli speciali.


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta