Dall’avocado al kale ai semi di chia: tutta la verità sui superfood

Diversi alimenti vengono classificati come superfood. E certamente sono utili alla nostra salute: ma solo se inseriti in una dieta sana e varia

Super ricchi di nutrienti, super sani, quasi magici. È questa l’immagine che oggi si ha di alcuni alimenti che vengono inseriti nella categoria dei superfood, ovvero dei cibi che per il loro contenuto di nutrienti vengono consigliati e proposti come veri e propri toccasana per la salute. Ma ben sappiamo che, soprattutto quando si tratta di benessere e alimentazione, non è tutto oro quel che luccica, e che non è un alimento singolo a fare la differenza, ma lo stile di vita, cibo e movimento compresi, che si sceglie di seguire. Proprio per sfatare alcuni miti è nata la prima guida della collana FoodMythBusters, pubblicata su , nella quale vengono analizzati i superfood.

“Il superfood non esiste: nessun alimento è miracoloso, ogni alimento fa parte di una dieta nel suo insieme e da cui è difficile separare l’effetto del singolo”, ha spiegato ha commentato Carlotta Lassandro, nutrizionista del team Nutrimi e autrice dell’indagine, “è vero, alcuni alimenti hanno una composizione particolare che può renderli più super (non necessariamente migliori) di altri ma è la qualità dell’intera dieta a farla da padrone: non superfood, ma superdieta”. Ecco dunque cosa si è scoperto.

L’avocado

Si dice faccia bene per la pelle perché contiene acidi grassi. Ed è così: l’ tra i suoi nutrienti ha fibre, vitamine (soprattutto acido pantotenico e folati), carotenoidi, fitosteroli e acidi grassi monoinsaturi. È utile sia per la salute cardiovascolare che controllo del peso ed è indicato un po’ a tutti, comprese le , purché si presti attenzione alle quantità perché è molto calorico.

Le bacche di goji

Non ci sono indicazioni specifiche sul consumo delle bacche di goji. Tra i nutrienti troviamo polisaccaridi antiossidanti, vitamine, soprattutto A e C, flavonoidi. Sono consigliati per prevenire malattie legate all’età e allo stress ossidativo, dunque sono adatti per esempio per le persone più agée, che ne potranno consumerare circa 5-12 grammi al giorno.

La curcuma

Contiene la curcumina, che dà alla il colore giallo intenso, che rende questa spezia antimicrobica, antitumorale, antinfiammatoria e anti-obesità, così si evince da studi in vitro e su animali. Quali benefici si possono avere? Su patologie infiammatorie, cancro, diabete, sindrome dell’intestino irritabile, acne e fibrosi.

Kale, o meglio, cavolo riccio

Ricco di fibre, antiossidanti, carotenoidi, carboidrati prebiotici, glucosinolati, polifenoli, vitamine e minerali come potassio, calcio, fosforo, magnesio, ferro e manganese. Il è ottimo e si può introdurre durante la sua stagione, ovvero l’inverno, al posto di altri ortaggi per una porzione standard di circa 200 grammi.

I mirtilli

Migliorano la salute dell’occhio e proteggono le ossa, come è stato dimostrato da diversi studi in vitro, ma anche quella cardiovascolare: i dunque sono un ottimo frutto, da consumare a tutte le età. Offriteli ai bambini con lo yogurt bianco per esempio, oppure con limone e zucchero. Ne gioveranno in vitamine e antiossidanti.

Noci macadamia

Sono utili perché proteggono dallo stress ossidativo, combattendo i radicali liberi, e contro il cancro. Contengono acidi grassi monoinsaturi, soprattutto oleico, vitamine e minerali come magnesio, rame e manganese. Si acquistano di solito senza guscio perché è molto duro e difficile da rompere. Hanno un sapore delicato che si adatta bene a dolci che includano il cioccolato, oppure in e gelati.

I semi di chia

Si raccomanda di non consumarne più di 48 grammi al giorno: i sono ricchi di grassi omega-6 e omega-3 e di proteine di qualità buona. Ma contengono anche minerali, tra i quali calcio, fosforo, magnesio, selenio, e danno benefici sulla pressione arteriosa.

I semi di lino

Con 3 cucchiai di , pensiamo alla salute cardiovascolare e alla prevenzione di osteoporosi, artrite reumatoide, cancro e costipazione. Contengono proteine importanti, ecco perché sono utili anche per vegetariani e vegani.

Alga spirulina

Nutriente, antiossidante, antibatterica, anticancro, antinfiammatoria, anti-diabete e anti-colesterolo. Utile per chi ha problemi di malnutrizione. L è ricca di proteine, carotenoidi, vitamine, minerali, acidi grassi essenziali. Non l’avete mai provata? Se non si consuma in pastiglie, si può acquistare in polvere, da aggiungere a smoothies, centrifugati, succhi di frutta. Altrimenti il suo colore intenso la rende un ingredienti divertente per pasta fresca e gnocchi.

Lo zenzero

Dello si sente parlare in continuazione: è utile per digerire, come anti-nausea, antiossidante, antitumorale, anti-obesità e anti-diabete e antinfiammatorio. Va bene da utilizzare nelle tisane per esempio quando si soffre di raffreddore e mal di gola. Negli adulti non ne va consumato più di 4 grammi  al giorno (essiccato).

Sfogliate la gallery per scoprire come utilizzare i superfood


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta