L’anno del Maiale: ecco dove festeggiare il Capodanno cinese a Milano

Bon Wei

Gnocchi di riso e funghi Shitake (Gnocchi della tradizione, saltati con funghi Shitake freschi, cavolo cinese e gamberetti disidratati rinvenuti nel vino cinese).  

Bon Wei

Maiale agropiccante (Straccetti di lonza di maiale saltati con peperoni rossi, funghi Mu-Ehr e bambù), un piatto tipico della tradizione casalinga fatto con i crismi del fine dining; abbinato al Nero D’Avola Lagnusa 2015, Feudo Montoni.

L'anno del Maiale: ecco dove festeggiare il Capodanno cinese a Milano

Nella foto uno dei proprietari Le Zhang e lo chef Zhang Guoqing

Bon Wei

Astice

Bon Wei

Cernia

Bon Wei

Funghi

Bon Wei

Dalla vigilia della Festa di Primavera, 4 febbraio, alla Festa delle Lanterne, 19 febbraio, il menu si arricchisce di pietanze tipiche del Capodanno lunare cinese.

Bon Wei

Riso

Bon Wei

Zuppa

Bon Wei

Polpette dolci di riso Tang Yuan

Gong Oriental Attitude

Per tutto il mese in menu troverete anche le tagliatelle di riso con ragù di cinghiale

Gong Oriental Attitude

Da sinistra a destra: lo chef Guglielmo Paolucci, la proprietaria Giulia Liu e lo chef Keisuke Koga

Gong Oriental Attitude

Tagliatelle di riso con ragù di cinghiale, servite su un letto di crema di castagne, il tutto guarnito con un nido di porro fritto alla julienne.

MU dim sum

Dal 5 al 12 febbraio, la tavola imbandita per il Capodanno si arricchisce con 8 pietanze della tradizione cantonese.

MU dim sum

Branzino intero al vapore Qingzheng lu yu 

MU dim sum

Gamberoni fritti in salsa di soia, Gan shao xia

MU dim sum

Pollo alla cantonese cotto “in bianco”, Bai Qie Ji

MU dim sum

Ravioli Jiaozi con ripieno classico di maiale

MU dim sum

Gnocchi di riso Tang Yuan, servite con brodo di zenzero

RosebyMary

A pranzo, martedì 5 e venerdì 8 febbraio sarà possibile ordinare anche i ravioli cinesi Jiaozi in versione vegetariana

RosebyMary

Ravioli cinesi Jiaozi con verdure biologiche e tofu

Mandarin Oriental Bar & Bistrot

Aperitivo Orientale dal 4 al 10 febbraio


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta