Barcellona, Casa Batlló: una passerella sospesa a 30 metri per ammirare il gioiello di Gaudí

Nei mesi scorsi la celebre e stupenda Casa Batlló progettata dall’architetto catalano Antoni Gaudí (come molte delle attrazioni e strutture più affascinanti di Barcellona) ha subito un profondo e interessante lavoro di restauro che ha toccato piano nobile e facciata. Non è mai stata chiusa al pubblico: i turisti hanno comunque potuto visitare la casa vivendo un’esperienza da “immersiva” mentre gli esperti e i restauratori erano al lavoro. D’altronde, una rinfrescata ci voleva: si è trattato del primo restauro completo degli ultimi 18 anni. Fra l’altro, nel corso dei lavori gli esperti hanno scoperto alcune sorprese sotto agli strati di vernice. In pratica, la vecchia “pelle” dell’abitazione, nascosta nel tempo. Strati di stucco in malta di calce di alta fattura che copre i muri e che erano stati individuati, per la prima volta, in uno degli appartamenti del terzo piano della casa, originariamente dedicati all’affitto, già nel luglio 2017. Solo con l’inizio delle operazioni nel piano nobile alla fine dello scorso anno, tuttavia, sotto alla vernice bianca sono spuntate fantasie e tinte particolari: è per esempio emerso dai test stratigrafici il rivestimento originale celato sotto dai diversi strati di vernice, formato da uno stucco di calce in diverse tonalità. Su di esso erano state effettuate incisioni per disegnare il craquelé caratteristico, rifiniture poi di nuovo stuccate e riempite con colori a cera in un lavoro certosino e molto complicato.  Nell’ex studio dell’industriale tessile Josep Batlló i Casanovas, che all’inizio del secolo scorso affidò il modesto palazzetto alle fantasiose cure di Gaudí, è emersa anche particolare lavorazione: le giunture delle incisioni sono state “riempite in pane d’oro e la distribuzione dei toni e ancora più completa e sorprendente”, come ha spiegato l’architetto Joan Olona in un’intervista. 


Fonte: http://www.repubblica.it/

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta