Bibbona, ci ha lasciati lo chef stellato Luciano Zazzeri

È stato trovato senza vita nella casa dei genitori, a Bibbona, provincia di Livorno. Lo chef stellato Luciano Zazzeri, 63 anni, era il proprietario del celebre ristorante La Pineta, che lui chiamava La Baracca, sul mare di Bibbona. La sua cucina era conosciuta e apprezzata in tutto il mondo: fra i suoi clienti, Mick Jagger, Beppe Grillo, Paolo Bonolis, Diego Abatantuono e, ancora, manager, politici e intellettuali. Zazzeri lascia due figli, Andrea e Daniele, che lo affiancavano nel ristorante, e un nipote, oltre ai suoi affezionati clienti che lo hanno seguito nei suoi venticinque anni di attività e grandi successi.

È stato capace di trasformare il bar ristorante di uno stabilimento balneare, quello che i genitori presero in gestione nel 1964, in un punto di riferimento internazionale della cucina della tradizione toscana. Da bambino aiutava i genitori nel locale, prima come cameriere e poi in cucina: i suoi cavalli di battaglia erano il pesce bollito e gli spaghetti alle vongole, che sono rimasti fra le specialità della Pineta, anche dopo che, nel 1987, prese le redini del ristorante.

Appassionato di caccia e pesca, non avrebbe mai abbandonato il «suo» mare. Adorabile con i clienti, con cui si sedeva a fine pasto, per raccontare vecchi aneddoti e segreti culinari, era incredibilmente esigente con i suoi dipendenti: poteva anche chiedere di rifare dieci volte un piatto, fino a quando non raggiungeva la perfezione.

La stella Michelin, conquistata nel 2006, non gli fece montare la testa: Zazzeri è rimasto un «uomo d’altri tempi», legato alle tradizioni e alle usanze della famiglia. Diceva spesso: «Mia nonna mi ha insegnato a cucinare. Non bisogna mai dimenticare come si cucinava nelle nostre case. Poi si può reinterpretare tutto ma le basi sono fondamentali. Io sono cresciuto professionalmente bevendo e mangiando bene a tavola con la gente».


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

I commenti sono chiusi.