in

Fiore di banana, nuovo trend vegano e superfood

Il fiore di banana, ingrediente esotico molto in voga della cucina asiatica, è il nuovo superfood vegano, apprezzato anche in Occidente e spesso utilizzato come sostituto del pesce

Nella ristorazione, tanto occidentale quanto orientale, i vengono utilizzati sempre meno come elemento decorativo e sempre più come ingrediente principe dei piatti. Ne è un esempio il fiore di banana, cibo già molto in voga nella cucina asiatica e attualmente molto apprezzato dagli chef locali ed europei, in qualità di nuovo food trend vegano. Questo splendido e gustoso fiore ha infatti una consistenza carnosa simile a quella del pesce e, come il jackfruit, si presta bene per originali insalate e secondi piatti vegani.

Perché il fiore di banano è il nuovo superfood vegano

In questi ultimi anni abbiamo assistito a una carrellata di ingredienti vegetali che, grazie alle proprie caratteristiche, proprietà nutritive o versatilità in cucina, sono diventati delle popolari alternative “superfood” alla carne e al pesce. A salire sul podio dei superfood trend vegani internazionali, dopo i funghi shitake, l’avocado e il , sono ora i fiori di banana, ingrediente usato per secoli nella cucina del sud-est asiatico. Questi fiori stanno infatti vivendo un momento di grande riscoperta in Asia e stanno facendo la loro apparizione anche nelle cucine europee, in particolare in quelle del Regno Unito. I fiori di banana, anche detti mocha o cuori o boccioli di banana, crescono all’estremità dei cespi di banana, hanno un colore viola intenso, una forma a goccia che ricorda quella dei carciofi e un sapore leggermente amaro che richiama quello delle zucchette amare o, appunto, i carciofi. Il fiore esterno è croccante, ideale da mangiare crudo in insalate esotiche speziate, mentre la parte interna, più morbida e friabile, ricorda la consistenza del pesce ed è quindi perfetta per antipasti o secondi piatti vegani. Da un punto di vista nutrizionale il fiore di banano non è particolarmente proteico, un fattore da tenere presente se lo si vuole integrare in una dieta vegana o vegetariana, ma rappresenta comunque una ricca fonte di fibre alimentari e di vitamine A, C ed E.

Banana blossom mania: utilizzi in cucina e ricette

Questo cibo vegetale versatile, relativamente economico e delizioso, è quindi utilizzato in una grande varietà di piatti, da ricette gourmet a preparazioni veloci e sfiziose, perfette per lo street food. Nella versione cruda il fiore di banana è particolarmente noto in Thailandia, dove viene utilizzato per un esotico pinzimonio con accompagnamento di una salsa cremosa e agrumata a base di latte di cocco, o all’interno di ricche insalate quali il yum hua plee, un’insalata piccante con fiori di banana crudi tagliati a fettine sottili. Il cuore può invece essere lessato, grigliato, stufato o fritto, e impiegato quindi nelle ricette più disparate, da primi piatti a base di noodle o riso a zuppe ricche, fino a secondi piatti esotici come sostituto di carne o pesce.

Per preparazioni vegane originali si può ad esempio prendere spunto dai deliziosi curry indiani, magari da abbinare a patate o legumi, o, evitando gli ingredienti di origine animale, dallo stufato filippino kare kare, una ricetta a base di verdure quali fagiolini e cavolo cinese e condita con una golosa salsa fatta con arachidi macinate e aromi vari. Grazie alla consistenza fibrosa dell’interno del fiore di banana, è anche possibile tritare questo ingrediente e utilizzarlo in frittelle, come fanno nel sud dell’India e nello Sri Lanka, o per originali kofta vegane speziate.
In Europa i fiori di banana sono molto popolari anche in versione fritta, spesso marinato in alga kombu e samphire così da avere un gusto simile a quello del pesce. Molto popolare, ad esempio, in Inghilterra il fish and chips vegano del chip shop Sutton and Sons di Londra.

Foto: Fiori di banana superfood_Wikimedia_Takeaway.jpg
Foto: Insalata di fiori di banana superfood_Flickr_uhwestoahu.jpg
Foto: chote chitr ricetta con fiori di banana_Flickr_goodiesfirst.jpg


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/


Tagcloud:

Scoperte nel Pamir le più antiche prove del consumo di cannabis

I semi di ninfea sono lo snack superfood dei Millennial