in

Funchi: la polenta dei Caraibi

Un piatto del riciclo diventato tradizione, da friggere e cospargere di Gouda. Anche sull’isola di Aruba si mangia la polenta, e la si cucina così

La prima reazione per un italiano all’idea che anche nei Caraibi mangino la polenta è di totale stupore. Paragonabile solo a quello che mostrano gli abitanti dell’isola di Aruba, nei Caraibi, nello scoprire che la farina di mais, un loro ingrediente tipico, sia consumato anche così lontano.

Il granoturco in effetti è nativo proprio dal Centro America ed è arrivano sino a noi per diventare un nostro “piatto tipico” solo con i conquistadores nel Cinquecento. Loro lo hanno sempre mangiato e ancora oggi lo servono come pane, come contorno, come colazione insieme a uova e bacon o come “funchi fries“, snack per una birra rinfrescante.

Loro il mais lo utilizzano in diverse forme, lavorato con il processo di nixtamalizzazione per renderlo digeribile e nutriente e usato per fare tortillas e arepas, o in farina di mais. Il funchi viene preparato proprio come una polenta, mescolata vigorosamente durante la cottura e poi lasciata raffreddare prima di essere tagliata a bastoncini e fritta. Il funchi è diffuso in tutte le Antille e quindi la tradizione culinaria locale si è fusa nei secoli con quella delle tante nazioni che hanno attraversato queste terre. Ecco perché oggi ad Aruba si mangia anche cosparso di formaggio Gouda, come vuole la tradizione olandese.

Cucina criolla

La cucina criolla di questa fetta dei Caraibi è decisamente inaspettata: l’influenza olandese infatti è ancora presentissima e formaggi come il Gouda sono onnipresenti. Aruba è ancora parte dei Paesi Bassi e quindi nonostante il clima e la distanza dalla vecchia Europa, il gusto per senape dolce, bitterballen, rookworst, frikadelle e altro cibo da Nord Europa è sorprendente; bevono persino il latte fresco, e all’Equatore suona quantomeno strano. E così sul pane, anzi sul pan batì, qui si spalma il burro.

Ingredienti

6 tazze di acqua fredda
1 ½ tazze di farina di mais bramata
1 cucchiaino. sale
1 cucchiaio di burro
Gouda, a piacere
burro o olio per friggere

Procedimento

Versare la farina nell’acqua fredda con il sale e portare a bollore, mescolando con una frusta energicamente. A mano a mano che la polenta si rapprende e si stacca dai bordi della pentola, abbassare la fiamma e continuare a mescolare con un cucchiaio di legno finché la polenta non è cotta. Ci vorranno almeno 40 minuti. Quando è pronta, aggiungere il burro.

Versare su una teglia a lasciare raffreddare prima di tagliare a bastoncini. Il funchi viene fatto abbrustolire nel burro in padella o fritto in olio di semi. Alla fine viene servito con Gouda a scaglie, che si fonde sulla polenta fumante.


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/feed/


Tagcloud:

La torta al cioccolato all’olio di Isabella Potì

Preparare il flan di cachi