in

I semi di ninfea sono lo snack superfood dei Millennial

Dai semi di ninfea nasce uno sfizioso snack vegano che sta guadagnando consensi, diventando la nuova alternativa superfood a pop corn e patatine

Direttamente dall’Asia arriva l’idea per uno snack salutare, originale e gustoso, fatto con i semi delle bellissime ninfee. Questo snack di origine indiane e dal sapore esotico si sta affermando da circa un anno anche in altri paesi occidentali, Stati Uniti in testa. Complice il crescente successo commerciale internazionale delle alternative healthy, naturali e vegane, alle classiche patatine, al pop corn e al junk food in generale, i semi di ninfea “scoppiati” stanno conquistando un pubblico sempre ampio di consumatori, Millennial compresi.

Semi di ninfea, il pop corn del futuro?

Questo croccante e saporito snack è un cibo tradizionale in India, ma ha fatto la sua prima apparizione in Occidente solo un paio di anni fa. Negli Stati Uniti, in particolare, è stata una startup chiamata Bhartia a introdurre questa esotica novità gastronomica, nonché a coglierne per primi le potenzialità. In Occidente, infatti, quella degli snack sani, degli ingredienti alternativi e quella delle diete prive di prodotti animali e di grassi non è solo un trend passeggero, ma una realtà consolidata. Per i semi di ninfa era, quindi, un successo annunciato: spuntino superfood privo di glutine, zucchero, grassi saturi, ricco di fibre e di sostanze nutritive. Tutto questo, unito all’assenza di mais, noci, cereali, lattosio e OGM, li rende un alimento ideale per qualsiasi età e per qualsiasi tipo di dieta, da quella paleo a quella vegana.

semi-di-ninfea-snack-superfood_Wikipedia

Insomma, questa alternativa ai consueti e calorici snack salati, negli ultimi due anni sta conquistando rapidamente il mercato e ha fatto breccia anche nel cuore dei Millennial, che ne apprezzano non solo l’aspetto salutare, ma anche il gusto.
I semi di ninfa, infatti, grazie alla croccantezza, alla leggerezza e al sapore piuttosto neutro, ma piacevolmente arrostito, possono essere considerati una versione moderna del pop-corn, e come i pop-corn si presta benissimo all’aggiunta di aromi e spezie che spesso richiamano le loro origini orientali. Tra le varianti attualmente in commercio è possibile infatti optare per sapori sia occidentali che asiatici, passando dal lampone al tè verde matcha, fino agli indiani curcuma e tikka masala.

Uno snack dal sapore orientale

Sebbene la popolarità mediatica dei semi di ninfa sia perlopiù legata al successo commerciale in Occidente, questi semi soffiati sono da secoli uno spuntino amatissimo in India, dove sono chiamati makhana. Qui le splendide ninfee fioriscono in primavera, mentre i semi di solito si formano ad agosto, periodo in cui vengono estratti e raccolti, per essere poi essiccati al sole e infine arrostiti su un fuoco a legna, finché col calore non scoppiettano, esattamente come succede al mais.

Una volta pronti, i semi di ninfa vengono aromatizzati con il burro chiarificato e le spezie. Il makhana è uno spuntino popolarissimo, molto amato anche dai bambini, ed è famoso anche per essere uno dei pochi alimenti consumati nei periodi di digiuno durante il festival indù Navratri.

In India i semi di ninfea sono un alimento “superfood” altamente consigliato dalla medicina tradizionale ayurvedica, prescritti soprattutto per chi soffre di diabete o per le donne in stato di gravidanza o in allattamento.

Foto: semi di ninfea snack superfood_Wikipedia.jpg
Foto: semi di fiore loto snack_Pixabay_sjhanjeju.jpg


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/feed/


Tagcloud:

Fiore di banana, nuovo trend vegano e superfood

Ristorante Via Carota a New York: quando qualità fa rima con semplicità