in

La schiscetta è social su Instagram

Portare in pranzo da casa può trasformarsi in un’operazione divertente e creativa. Bastano un pizzico di fantasia, un po’ di organizzazione e la voglia di confrontarsi con gli altri condividendo le nostre idee

La differenza principale tra cucinare qualcosa che verrà consumato a casa e preparare il pranzo in anticipo, è che il secondo caso non ammette improvvisazioni. Il rito milanese della schiscetta (che nel resto d’Italia è la colazione o il pranzo al sacco), richiede organizzazione, fantasia e un po’ di senso pratico. Perché diciamocela tutta: a mettere in un recipiente due carote pelate e qualche fetta di prosciutto siamo capaci tutti, ma per preparare qualcosa che ci gratificherà quando arriva ora di pranzo, ci vuole qualcosa di più. Il rischio altrimenti, è quello di tuffarsi su pasti sbilanciati, scarsi o poco appetitosi che ci invoglieranno a correre al bar più vicino in cerca di un panino bene imbottito.
A raccontarci tutto quello che non dobbiamo fare quando prepariamo il nostro pranzo da portare in ufficio, l’account Instagram , alimentato con ironia da tutti quelli che si rendono conto di non aver dato il meglio di sé preparando la schiscetta.

Instagram @schiscettebrutte.

Questa immagine ad esempio, che si è guadagnata la foto profilo dell’account, ci insegna che il coltello potrebbe servire anche per mangiare una pasta. Una pasta che si presenta incollata, scotta e poco condita e che ha assunto la forma del recipiente che la conteneva. Vi viene fame guardandola? A noi è passata! E più la guardiamo e più ci convinciamo che una schiscetta ben fatta è tutta un’altra cosa (qui sotto un esempio dal nostro numero di marzo in edicola).

Qualcosa di molto differente dal raccogliere ciò che è rimasto della cena in un contenitore in plastica con coperchio o dall’assemblare alimenti che non abbineremmo mai in pasti disordinati e disgustosi. La schiscetta è pensare a un pasto che si possa conservare senza difficoltà giocando con sapori, consistenze e colori. Preparare un buon pranzo al sacco è dedicare qualche minuto in più della giornata al nostro benessere, alla gola, ma anche al nostro equilibrio.
Un pizzico di impegno, tanta fantasia e il gioco è fatto. Nella gallery qui sopra abbiamo raccolto le schiscette più belle di Instagram… non vi viene voglia di prepararne una da condividere?
Questo mese La Cucina Italiana vi invita a farlo con un gioco ispirato al numero di marzo in edicola. Nell’articolo qui sotto (Prepara la tua schiscetta!), vi spieghiamo come partecipare!

Immagine di copertina: Instagram @


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/


Tagcloud:

Cosa si mangia al ristorante Torre della Fondazione Prada di Milano

Yogurt, quale scegliere per dimagrire