in

Palacinka, la crêpe light che viene dall’Est

La ricetta per preparare deliziose palacinke ispirate all’antica tradizione istriana ancora viva a Trieste, porta dell’Est

Uova, latte, farina, zucchero e un pizzico di sale. La ricetta della palacinka diffusa in Ungheria, Istria, Trieste e dintorni può essere considerata una versione light della classica ricetta francese. Questa infatti prevede che la pastella venga cotta in una padella dove è stato sciolto del burro (una noce ogni crêpe), mentre qui basterà un mezzo cucchiaino di olio di semi per pezzo. Le palacinke vengono poi solitamente farcite con marmellata di prugne fatta in casa, decisamente meno calorica delle salse a base di cioccolato che farciscono tradizionalmente le crêpes francesi.

La ricetta

Ingredienti per 4 persone
1 uovo, 10 cucchiai di farina, un bicchiere di latte, due cucchiai di zucchero, un pizzico di sale e olio di semi per ungere la padella.

Procedimento
Unire le uova e lo zucchero mescolando bene con una frusta elettrica. Aggiungere un pizzico di sale, il latte e la farina fino a ottenere una pastella densa e corposa. Lasciarla riposare in frigorifero per mezz’ora, coperta con della pellicola trasparente. Ungere una padella antiaderente con mezzo cucchiaino d’olio di semi, scaldarla e versare una mestolata do pastella spargendola sulla superficie della padella, mantenendo lo strato leggermente alto. Cuocetela anche dall’altra parte e lasciatela riposare su un piatto piano in attesa di farcirla

La farcia

Sebbene la Nutella vada sempre molto forte (e leggendo potrete prepararla in casa), la farcia ideale per la palacinka è la marmellata. Di prugne, mele o frutti di bosco, non importa, ciò che conta è che la si stenda per bene su tutta la superficie. La palacinka verrà poi arrotolata o ripiegata e spolverata con zucchero a velo o cacao. I più golosi potranno concedessi una guarnizione a base di panna montata o cioccolato fuso.


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/feed/


Tagcloud:

Più milanese di così… Ecco la cotoletta di Antonello Colonna

Cantina Urbana: il wine bar per chi non capisce di vino