in

Polpette, facciamole alla genovese

Fatte con carne di vitello e funghi, le polpette alla genovese sono un secondo della tradizione ligure, profumate con le erbe tipiche del territorio, come maggiorana e basilico

Sono piccole, saporite, fatte come una volta. Le polpette alla genovese sono un piatto della cucina ligure di terra, in cui la carne e le verdure sono gli ingredienti base di ogni ricetta, insaporite dalle erbe aromatiche tipiche, che si coltivano negli orti di tutta la Liguria. Le alla genovese si possono accompagnare a tanti contorni, come insalata fresca, fagiolini e zucchine trifolate. Si possono mangiare calde appena tolte dall’olio o anche a temperatura ambiente, e il giorno dopo sono ancora più buone.

Polpette, un piatto salva sprechi

Le polpette sono un piatto che va di moda in questi tempi di salvasprechi: si preparano con tutto ciò che rimane di altri piatti di carne (fettine, arrosti, polpettoni), senza che il risultato finale sia in qualche modo depauperato di gusto, tutt’altro! Spesso la ricchezza di sapori distinti e la varietà di tipi di carni regalano molti aromi alla preparazione, che si presenta ogni volta diversa. Le polpette sono senza dubbio una delle ricette più cucinate e di cui ne esistono infinite versioni.

La ricetta delle polpette alla genovese

Ingredienti per 4 persone: 200 g carne di vitello tritata, 200 g mammella di vitello (in alternativa polpa di vitello), 30 g funghi secchi, la mollica di un grosso panino, brodo di carne, qualche foglia di maggiorana e basilico, 100 g parmigiano grattugiato, un uovo, prezzemolo, aglio, farina bianca, strutto o olio per friggere, sale, pepe.

Procedimento: per prima cosa mettete in una ciotola con acqua fredda i funghi ad ammollare. Ammorbidite poi in poco brodo la mollica del panino e mettete a lessare la mammella del vitello. Una volta cotta, tritatela e mettetela in una ciotola insieme con il pane ben strizzato, un trito di aglio, maggiorana e basilico, i funghi strizzati e tritati, il parmigiano, sale e pepe. Impastate tutti gli ingredienti con l’uovo. Con le mani infarinate prendete un poco di composto e fatene delle palline rotonde, schiacciandole un poco nel mezzo. Una volta pronte, fatele friggere in una padella dal fondo ampio in cui avrete scaldato l’olio o lo strutto. Giratele su tutti i lati, in modo che si dorino per bene, e poi scolatele su un piatto ricoperto da un foglio di carta assorbente. Guarnite con ciuffi di prezzemolo e portate in tavola.

Sfogliate ora il tutorial per qualche consiglio per un piatto ancora più riuscito!


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/


Tagcloud:

Ricette greche per una cena d’estate

Mini tatin con cocco e gelato alla mandorla amara