Scuola di Cucina: Dolci di Carnevale, tre consigli

Se state pensando di preparare in casa dei dolci di Carnevale, leggete questi tre consigli degli chef di La Scuola de La Cucina Italiana. Potranno sembrare semplici, ma faranno sicuramente la differenza.

Zeppole, castagnole, chiacchiere e frittelle di mele: prima di Carnevale, si è più concentrati nella preparazione di dolci piuttosto che nella scelta del costume perfetto. Almeno questo è quello che ci auguriamo qui a La Scuola de La Cucina Italiana. Ecco tre consigli, per realizzare i più classici dolci di Carnevale a casa.

1. Componente alcolica

Non bisogna assolutamente sottovalutare l’utilizzo di liquori nella preparazioni dei dolci, sopratutto nelle preparazioni tipiche del Carnevale. In particolare, per le chiacchiere è necessario inserire un liquido a base alcolica nell’impasto: l’alcol, infatti, evaporando durante la cottura, contribuirà all’aumento di volume e alla formazione delle classiche bolle. Il consiglio è quello di utilizzare la grappa, così da conferire una nota aromatica non troppo predominante.
Anche nella preparazione delle castagnole il segreto, per non ottenere un impasto troppo solido, è l’utilizzo di un liquore: il consiglio è quello, al termine della cottura, di bagnare le castagnole nell’alchermes. In questo modo assomiglieranno anche a dei simpatici coriandoli rosa.

2. Cuocere i dolci di Carnevale (anche al forno)

La tradizione vuole che i dolci di Carnevale vengano fritti nello strutto; nascono, infatti, da storie di povertà, in cui l’unico grasso disponibile in abbondanza era appunto questo. Poi la scelta è virata sull’olio, in particolare, olio di semi. Il consiglio del nostro pasticcere è di utilizzare l’olio di semi di arachide, così da non conferire ulteriore sapore al dolce. In alternativa, si può scegliere l’olio di oliva, il cui utilizzo avrà un costo superiore e sopratutto conferirà il caratteristico retrogusto.
Per realizzare un’alternativa più sana, è possibile cuocere i dolci di Carnevale al forno: il segreto qual’è? Seguire la stessa identica ricetta; cambierà semplicemente la consistenza del dolce, ma risulterà sicuramente più leggero.

3. Scelta degli ingredienti

Come in ogni preparazione, niente deve essere affidato al caso: la scelta degli ingredienti è importante tanto quanto i passaggi da realizzare. In particolare, nella realizzazione delle frittelle di mele è meglio utilizzare mele più mature, così siano più dolci all’assaggio e non abbiano una consistenza troppo farinosa.
Nell’impasto delle castagnole è possibile inserire altri ingredienti oltre ai classici, in base al proprio gusto, come ad esempio uvetta, canditi e gocce di cioccolato. Il consiglio è sempre quello di porre attenzione all’umidità di questi ingredienti: non devono contenere troppa acqua, altrimenti la frittura ne risentirebbe.
Per arricchire il gusto delle chiacchiere, infine, è possibile intingerle nel cioccolato fondente fuso; in alternativa, è possibile realizzare una decorazione cospargendone la superficie. Bisogna sempre fare attenzione, però, che le chiacchiere siano già state cotte e risultino asciutte.

Se con questi consigli vi abbiamo incuriosito, per la pratica vi aspettiamo presto al corso !

Testi di Caterina Limido


Fonte: https://www.lacucinaitaliana.it/

Potrebbero interessarti

I commenti sono chiusi.