in

Impronte digitali a scuola: gli insegnanti si salvano, i presidi no

ROMA – Gli insegnanti escono dal radar del Decreto Concretezza (articolo 2) e, come previsto dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti in un’intervista con “Repubblica”, non dovranno offrire le impronte digitali al loro ingresso a scuola. Nella rete dei controlli restano, però, i dirigenti scolastici. Commento


Tagcloud:

Scuole a rischio: distacchi e crolli ogni tre giorni dall'inizio dell'anno

L'hub per l'innovazione approda in Calabria, l'Università si allea con il Nord-Est