in

Coronavirus, in Africa parchi chiusi: “Gorilla di montagna in pericolo”

L’epidemia minaccia anche i gorilla di montagna. Nella regione africana dei Grandi Laghi l’emergenza spinge i parchi a chiudere i battenti per avitare la diffusione del coronavirus dove vive un terzo della popolazione delle grandi scimmie difese dalla celebre primatologa e ambientalista Jane Goodall. Il Parco nazionale dei Virunga, nell’Est della Repubblica democratica del Congo, vieta l’accesso a turisti, ambientalisti, studiosi fino al 1  giugno.Virunga National Park has taken the difficult decision to temporarily suspend mountain gorilla tourism as of 23 March due to concerns over COVID-19. No new bookings will be accepted before 01 June. For more info: — Virunga NationalPark (@gorillacd) Anche loro, come l’uomo, sono inclini a malattie respiratorie e raffreddori comuni che possono causare la loro morte. Nel confinante Ruanda le autorità hanno sospeso l’accesso turistico e le attività di ricerca in tre parchi nazionali, quello dei Vulcani, di Akagera e nella foresta di Nyungwe. L’Uganda non ha formalmente chiuso parchi ed aree protette, sottolineando che al momento nel Paese non ci sono più turisti.Ambiente


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml


Tagcloud:

Supervivientes: in emergenza Coronavirus il reality non solo continua ma è ancora più 'hot’

Nei diamanti tracce di un continente perduto