in

Dai concorsi alla Maturità: i dieci punti della neo ministra alla scuola

Dai concorsi, che sono i più urgenti da indire se si vuole garantire l’avvio regolare dell’anno scolastico, alla Maturità, alle linee guida per l’educazione civica inserita da quest’anno come materia obbligatoria. Appena dopo il , la pentastellata Lucia Azzolina, 37 anni, già sottosegretaria e ora neo ministra all’Istruzione, ha scritto un lungo post in Facebook per annunciare le sue priorità.

Un decalogo con il quale promette “semplificazione, rapidità nelle decisioni e concretezza” al mondo della scuola. ” Cambia il ruolo, aumentano le responsabilità – scrive Lucia Azzolina – ma lo spirito è lo stesso con cui ho avviato la mia attività già da sottosegretaria: determinazione, ascolto, tanta passione per un mondo che sento mio. E una convinzione: la scuola italiana funziona. Va migliorata, ma non stravolta”.

I dieci punti affrontano le urgenze, a cominciare dai bandi per i concorsi. I sindacati temono tempi troppo stretti in vista dell’avvio scolastico a settembre. “Abbiamo interesse che ci sia continuità di impegno, ci auguriamo possa avvenire quanto prima quello che avevamo programmato in sede di conciliazione a partire dal confronto sui bandi e nello specifico, vista l’urgenza, sul bando del concorso straordinario” dice Lena Gissi della Cisl Scuola. Per i sindacati manca un riferimento al concorso per i facenti funzione nelle segreterie. Osserva Francesco Sinopoli, segretario della Flc-Cgil: “Sono impegni condivisibili. Aspettiamo già nelle prossime ore fatti concreti a partire dalla prima convocazione”.

I concorsi. Gli insegnanti precari attendono i concorsi già annunciati dai due ministri precedenti in particolare quello straordinario che avrebbe dovuto uscire a fine 2019 per stabilizzare 24mila precari con più di tre anni di servizio nella scuola secondaria. “Lavoreremo subito ai bandi per la scuola dell’infanzia e primaria, per la secondaria (ordinario e straordinario), per i docenti di religione – spiega Azzolina – Dobbiamo scriverne quattro. Ho già messo al lavoro la mia squadra, in raccordo con le strutture del Ministero”. Fonti ben informate dicono che la neomistra sia intenzionata a rivedere i bandi di concorso, soprattutto quello straordinario, in forma restrittiva o quanto meno, secondo uan linea che era già di Fioramonti, puntando molto su prove selettive. I tempi sono strettissimi. Considerando anche il concorso ordinario per la secondaria il rischio è che i quasi 50mila posti di ruolo arrivino in ritardo rispetto all’avvio delle lezioni a settembre.

La mobilità degli insegnanti. L’ex ministro Fioramonti lo aveva annunciato ed è nel decreto-scuola approvato a ottobre scorso: la mobilità volontaria su cattedre vacanti (che sono al Nord) anche per docenti da fuori regione, ovvero del Sud.  Azzolina lo ribadisce:  “Scriveremo rapidamente i provvedimenti attuativi del decreto scuola. Primi fra tutti il nuovo regolamento per velocizzare la chiamata dei supplenti e quello per la ‘call’ che consentirà a chi vuole subito il ruolo e il contratto a tempo indeterminato di poter andare a insegnare volontariamente anche in un’altra regione diversa dalla propria”. Tutto dipenderà da come sarà attuato. L’intenzione è quella di dare una risposta alla supplentite (il record è stato raggiunto nel 2019 con 170 docenti precari) e al prolema, all’opposto, di cattedre che rimangono vacanti perché sono esaurite le graduatori, sia Gae che quelle dei vincitori di concorso) .

Il contratto insegnanti. “Avvieremo quanto prima il tavolo per il rinnovo: è urgente”. Nella Legge di Bilancio ci sono i fondi per aumentare lo stipendio medio degli insegnanti di 40 euro nel 2020 e 70 euro nel 2021. Per arrivare a 100 euro serviranno altri 600 milioni e, per questo, la trattativa sindacale si chiuderà a fine 2021, con la prossima Legge di bilancio.

Emergenza sostegno. Un . E mancano gli insegnanti specializzati. Sugli alunni disabili si gioca la partita più grossa, perchè riguarda i più fragili.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml


Tagcloud:

Prima estinzione del 2020: il pesce spada cinese non c'è più, a rischio specie simili

Allarme scuola, in Italia 600 mila giovani non finiscono gli studi