in

Governo, il ministro Fioramonti si dimette con una lettera a Conte: pochi fondi per l'istruzione

Neppure il giorno di Natale si fermano le . Stavolta addirittura le dimissioni di un ministro, quello dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, rimaste nell’aria per tutta la sera del 25 e confermate da Palazzo Chigi poco dopo le 23. Fioramonti ha già consegnato la lettera al premier Conte. I rumor delle dimissioni del responsabile dell’Istruzione duravano da giorni ed erano legati all’approvazione della manovra, con il mancato stanziamento dei fondi attesi per l’Istruzione. D’altra parte il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, intervistato da Repubblica, aveva ammesso: “Abbiamo inserito circa due miliardi aggiuntivi per scuola, università e ricerca. Avrei voluto destinare ancora più risorse a questi settori fondamentali. L’impegno è per la prossima manovra”. Intervista


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml

I bilanci attivi degli atenei eccellenti del Nord: autoinvestimenti in formazione, strutture e servizi

Emergenza insegnanti di sostegno: uno su due è precario