in

Roma, nella scuola sotto Covid anche i compiti finiscono in quarantena. E ginnastica sì, ma senza sudare

Anche i compiti vengono messi in quarantena. In questo primo mese di lezioni, le scuole di tutta Italia hanno messo in pratica una serie di misure – obbligatorie e necessarie – per scongiurare la diffusione del contagio. Ma in alcuni casi il giusto scrupolo ha involontariamente prodotto, a tratti, risultati grotteschi e comportamenti improbabili. Abbiamo raccolto i racconti paradossali che arrivano dalla zona di Roma.Quaderni in “isolamento”In una elementare di Cerveteri, la Giovanni Cena, le maestre mettono – letteralmente – i quaderni in isolamento.Per evitare pericoli – raccontano alcuni genitori – le insegnanti conservano per quattro giorni i compiti consegnati dai bambini in un armadietto, senza toccarli. Poi, dopo averli corretti, li tengono nuovamente “in quarantena” per altri quattro giorni. Solo a quel punto gli alunni possono riprenderli.

Per evitare di lasciarli per oltre una settimana senza quaderno, hanno chiesto ai genitori di comprare blocchi con gli anelli, così da togliere solo alcuni fogli.

Politica


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml


Tagcloud:

Lo zerro, il pesce sostenibile che conquista la tavola

Federica Pellegrini con gli occhi gonfi annuncia: 'Ho il Covid’