in

Scuola, i sindacati coi genitori in piazza il 26. La Uil: “Negata una supplenza a una precaria in gravidanza”

“Tutti chiediamo che sulla scuola ci sia quell’attenzione che anche questo Governo non ha riservato; non è il primo, anche se c’è stato in passato chi ha massacrato la scuola con i tagli. L’obiettivo deve essere rilanciare la scuola pubblica. Non si devono spegnere i riflettori ora che è iniziata, anzi devono essere mantenuti accesi” dice Francesco Sinopoli segretario della Flc-Cgil con i segretari di Cisl, Uil, Snals e Gilda. I sindacati della scuola rilanciano così la manifestazione del 26 settembre in piazza del Popolo a Roma (ore 15) promossa dal comitato Priorità alla scuola con i Cobas, aperta ai movimenti. In conferenza stampa hanno fatto il bilancio del ritorno tra i banchi. Tra mille difficoltà: organico colabrodo, emergenza sostegno, banchi ancora non consegnati. E il caso di una precaria a cui è stata rifiutata la supplenza perché in gravidanza.

“Non siamo quelli che scioperano all’avvio della scuola” mette in chiaro Maddalena Gissi della Cisl, il tema sono i ritardi accumulati ribadiscono i segretari, “se le risorse si fossero stanziate a maggio, la riapertura sarebbe stata più semplice”, mentre sulle assunzioni “ora è evidente che la strada da noi indicata era la più sensata”. In realtà ci sarà uno sciopero del mondo della scuola e dell’università, non raccoglierà grandi adesioni, ma qualche disagio sì in un momento già difficile: è stato indetto il 24 e 25 settembre da Unicobas scuola e università, Usb P.I., Cobas scuola Sardegna e Cub scuola università e ricerca.

Il caso della supplenza negataIn un istituto  comprensivo di Ciampino, denuncia la Uil Scuola, è stata negata una supplenza ad una precaria al quinto mese di gravidanza. Era stata convocata direttamente dalla scuola per coprire un posto come organico Covid. “Il preside non le ha fatto assumere servizio” contesta il segretario Pino Turi.  “Stiamo ricevendo altre richiesta di chiarimenti, si tratta di una riduzione dei diritti inammissiobile. E’ gravissimo, con la scusa del Covid si sta cercando di aggirare le leggi, le norme a tutela della maternità non sono state abrogate anche con quetso tipo di contratti che non differiscono dagli altri se non nel punto in cui possono essere conclusi in caso di lockdown. E’ in atto una riduzione dei diritti dei lavoratori e vi sono condizionamenti sui dirigenti scolastici che invece sono tenuti ad applicare le norme e le leggi esistenti”.Cattedre vuote, emergenza sostegnoA proposito delle immissioni in ruolo “sono rimaste 60mila cattedre vuote e per questo la ripartenza non è stata possibile per tutti nello stesso giorno. Molte Regioni hanno preferito lo slittamento proprio perché non c’erano le condizioni, perchè manca il personale docente e anche il personale Ata: dal ministero sono arrvati dati rassicuranti, ma non sono veri” attacca Elvira Serafini, segretaria di Snals-Confsal. E il rischio è che potrebbero esserci cattedre vuote fino a Natale, perché, rileva Maddalena Gissi (Cisl) dietro l’angolo ci sono i contenziosi: gli errori e i reclami per le graduatorie potrebbero far rivedere le assegnazioni delle cattedre nell’ordine corretto. “Chi subirà questo danno? I bambini, i ragazzi, i disabili: siamo arrivati ai 100 mila posti di sostegno vuoti, in molti casi le nomine non sono nemmeno cominciate oppure sono stati utilizzati dei docenti provvisori che poi cambieranno tra qualche settimana. La call veloce? Ha prodotto 400/450 nomine in ruolo, quindi è stata un’altra perdita di tempo”.Scuola


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml


Tagcloud:

La figlia di Asia Argento e Morgan attrice in 'Baby 3': 'Sono timida e piena di insicurezze'

Anna Falchi e Beppe Convertini, il loro show 'C'è tempo per' fa flop e chiude prima